Q2 vs eQ2

ImmagineCome funzionano le nostre Alfa, elaborazioni, test...

Moderatori: mc@sandrone, FICHI, webmaster, Gugo, ispanico156

Rispondi
Gugo
Alfista base
Alfista  base
Messaggi: 59
Iscritto il: lun dic 27, 2010 20:40:54

Q2 vs eQ2

Messaggio da Gugo » ven mar 04, 2011 00:09:52

Vorrei iniziare una discussione (a meno che gi? non esista) su questi due distinti sistemi di guida sportiva (non certo di sicurezza, eheh =P) adottati dalla nostra Casa preferita!
Quadrifoglio due ruote motrici, meccanico, opposto alla sua controparte elettronica, l'electronic Q2 della generazione Alfa DNA!

In particolare, mi incuriosisce sapere come funziona di preciso l'eQ2!

Ho avuto modo di verificare il Q2 meccanico (quello vero, diciamo =P) sulla 147 di un mio amico: uno spettacolo! Mi sono buttato a 70 in una curva di 90? a raggio piuttosto corto e non ha fatto una piega!
Quindi, beh, so come funziona XD anche a livello di meccanica, diciamo: ? un ripartitore di coppia motrice basato sul sistema differenziale torsen (torque sensitive, sensibile alla coppia): il meccanismo del differenziale trasferisce maggiore coppia alla ruota che risulta esterna alla curva, generando cos? una forza centripeta che va a opporsi alla forza centrifuga.. Se non erro differisce da un differenziale "standard" proprio perch? AUMENTA la coppia della ruota esterna, anzich? trasferire coppia da quella interna a quella esterna - dovrebbe essere l'ASR (anti-slip regulator, regolatore antipattinamento) a tagliare coppia sulla ruota interna.. Correggetemi se sbaglio, io ho il pallino della meccanica e sono molto molto curioso e avido di sapere =P

Sull'eQ2 per? non so quasi un fico secco e vorrei saperne di pi?! Tanto per cominciare, non ho ancora avuto modo di provarlo (ebbene s?, non ho ancora messo il fondoschiena n? su una mito n? su una giulietta!) quindi non so come effettivamente si comporti..
Ho solo letto che funziona completamente in elettronica, in gruppo con VDC (veichle dynamic control, noto anche come ESP) e l'EBD (electronic brakeforce distribution, distributore elettronico della potenza frenante) e va appunto a FRENARE (ho proprio letto frenare!) le ruote motrici per "generare un effetto Q2"..
Ora, non sono un meccanico.. Ma se agisce FRENANDO, non dovrebbe ottenere l'effetto di rallentare la vettura, invece di permetterle un'accelerazione continua come il Q2 meccanico?

Non riesco proprio a capire l'eQ2 o.O
Che, tralaltro, mi pare di aver capito che delle modalit? DNA, il sistema eQ2 ? attivo solo in Dynamic ma non in All-weather, il che secondo me ? una cavolata! Avrebbe pi? senso avere un Q2 e un VDC per un miglior controllo in condizioni meteo critiche, piuttosto che nessun Q2 e un VDC molto invasivo!

Qualcuno che pu? risolvere i miei dubbi o magari darmi qualche dritta in pi??

Ciao ciao ;)
147 1.9 JTD distinctive 2004
Se sei certo, tieni aperto - Memento Audere Semper

RiccAlfa
Alfista Master
Alfista Master
Messaggi: 1050
Iscritto il: dom mar 09, 2008 17:26:12
Località: Lanusei

Messaggio da RiccAlfa » gio mar 10, 2011 18:07:03

Argomento molto interessante soprtutto oggi che mettere a terra i cavalli conta molto pi? delle potenze assolute dei motori 8)

Il problema ? che se mi metto a scrivere salta fuori una roba lunga tipo vecchio testamento :lol:

Ti dico da sbito che il q2 elettronico non ha come effetto quello di rallentare il veicolo bensi quello di favorire l'accelerazione del veicolo in uscita curva simulando un differenziale bloccante meccanico. Per fare questo si serve come giustamente dici dei FRENI.

Nelle nostre alfa ti dico subito che il q2 elettronico su giulietta funziona decisamente meglio che su mito vuoi per una superiorit? marcata a livello di sospensioni e telaio vuoi anche per i settaggi che evidentemente sono studiati meglio. Sulla 159 non mi esprimo perch? ho provato BENE solo versioni che non ne sono dotate.

Ti dico che la tua descrizione del funzionamento del differenziale autobloccante non ? corretta sopratutto quando parli di forze centrifughe che compensano forse centripete comunque ora ti spiego il q2 elettronico.

Per capire bene il lavoro dei differenziali devi entrare nell'ottica che essi funzionano sempre e solo seguendo delle leggi cinematiche prestabilite che generalmente sono due o tre.
In un differenziale "normale" (che da ora chiamer? pi? correttamente differenziale APERTO) che equipaggia anche la tua e la mia auto le leggi che regolano il moto sono:

- la la somma della potenza sugli alberi condotti ? pari alla potenza trasmetta dall'albero conducente al netto delle perdite all'interno del differenziale.
- la coppia trasmessa a un albero condotto ? sempre uguale alla coppia trasmessa all'altro albero condotto.

La mancanza di potenza trasmessa a terra (che col CULOMETRO equivale a sentire l'auto che tende a fermarsi) durante una curva ? causata dalla seconda legge e il q2 elettronico ? studiato per ovviare al problema.

Senza dilungarmi troppo ti spiego cosa fa:
Tu entri in curva e poi dai gas per uscire, il differenziale continua a trasferire la medesima coppia a entrambe le ruote ma a un certo punto tu vuoi uscire pi? rapidamente dalla curva e acceleri...in quel momento la ruota interna essendo scarica dal peso ha poco attrito a sua disposizione, se tu esageri col gas lei tende a slittare, se lei slitta significa che la coppia che sta ricevendo cala bruscamente...ma poich? il differenziale da la stessa coppia sempre e comunque a entrambe le ruote lui da la poca coppia anche alla ruota esterna che di attrito ne ha a volont? facendo rallentare l'auto. Il differenziale q2 elettronico allora fa cos?: appena sente la ruota interna slittare fa in modo che la pinza freno la freni...frenando lo slittamento della ruota interna non fa altro che fornire una coppia resistente e di conseguenza la coppia trasmessa alla ruota esterna rimane alta perch? il freno pinzato sulla ruota interna fa in modo che la potenza trasmessa a terra sulla ruota esterna rimanga alta.

Con un differenziale autobloccante meccanico funziona tutto diversamente perch? le leggi cinematiche che lo regolano sono diverse e sono legate alle velocit? di rotazione reciproche degli alberi condotti (quelli che vanno alle ruote).

Spero di averti dato una infarinatura generale, se hai domande chiedi pure.

Gugo
Alfista base
Alfista  base
Messaggi: 59
Iscritto il: lun dic 27, 2010 20:40:54

Messaggio da Gugo » sab mar 12, 2011 13:07:13

Interessante =O

Quindi l'eQ2 sarebbe un po' come.. Come quando fai le scale di corsa, le scale hanno una curva e per evitare di cadere ti attacchi al corrimano interno e ci giri attorno! O sbaglio? =P Con la differenza che la ruota esterna NON riceve una coppia maggiore per spingere all'interno il veicolo, ma sono le ruote interne che si ancorano. Spero di aver capito bene!
Onestamente, il sistema mi sembra molto simile al comportamento dell'ASR in curva che, se non erro, taglia la coppia della ruota slittante.. O lo fa a entrambe in caso di slittamento? A me ha dato l'impressione di tenermi ferme entrambe le ruote quando, ad esempio, parto forte sterzando su asfalto sporco..

Per il Q2 (meccanico), invece, io ero straconvinto che fosse la motrice esterna a ricevere coppia maggiore, tolta da quella interna che viene fatta rallentare dal torsen.. Correggimi se sbaglio!

La meccanica mi piace un sacco, peccato solo non poter far corsi specifici =P
147 1.9 JTD distinctive 2004
Se sei certo, tieni aperto - Memento Audere Semper

Avatar utente
Daniele147
Alfista Master
Alfista Master
Messaggi: 5357
Iscritto il: mar nov 01, 2005 11:57:57
Località: ROMA

Messaggio da Daniele147 » sab mar 12, 2011 15:23:59

il fatto sostanziale ? che un differenziale libero, come gi? ti hanno detto, distribuisce la stessa coppia a tutte e due le ruote. Quindi la massima coppia trasmessa (rispetto alla coppia fornita dal motore) ? 50% da una parte e 50% dall'altra. Se quella interna slitta perch? ha meno aderenza (diciamo ad esempio la met?), ti ritrovi a trasmettere il 25% con la ruota interna ma anche con la esterna (perch? sono uguali).
L' e-Q2, "sente" che una ruota sta perdendo aderenza e la frena quel tanto che basta per farla passare dalla sola coppia trasmessa al suolo (25% perch? con meno aderenza), alla coppia trasmessa al suolo + la coppia dissipata dai freni, con l'obiettivo di arrivare al 50% della coppia disponibile, in modo che questa percentuale vada anche alla ruota esterna.

Quindi se non si hanno slittamenti, questo si traduce in un 75% trasmesso dalla somma delle 2 ruote (che causa la spinta in avanti) ed un 25% perso per frenare la ruota interna (che per? non si sottrae al 75%, si perde e basta... consumando i freni per?)

Un differenziale meccanico (ad esempio il Q2 - Torsen) invece trasferisce la coppia in esubero della ruota che slitta a quella con pi? aderenza, , quindi il risultato sarebbe (prendendo sempre il caso di prima) che la ruota interna spinge al 25%, e quella esterna al 75% (e non al 50% come nel caso del e-Q2), quindi con una spinta totale pari al 100% della coppia disponibile, e non al 75%, questo perch? non c'? la perdita per frenare la ruota interna.

TUTTO questo, ? un ragionamento semplicistico al netto delle perdite e dei rendimenti dei vari componenti, e serve solo per capire il funzionamento.
Ciao e buona ALFA a Tutti

-------------- Guido una ALFA ROMEO ergo sum --------------

Immagine

Rispondi