L’ Alfa sbarca in Russia

In attesa del debutto sul mercato americano, l’Alfa scalda i muscoli: è
stata appena inaugurata la la prima concessionaria Alfa Romeo in
Russia. Un passo importante per la marca italiana che proprio sulle
vendite all’estero conta molto per il proprio rilancio.

La sede è stata inaugurata a Mosca alla presenza di Antonio Baravalle,
responsabile brand Alfa Romeo, Simone Guidetti, responsabile dell’ente
Export, e Mikhail Bakhtiarov, presidente di Major Automobile Holding.

Ma è solo l’inizio: per il 2007 è prevista nella federazione Russa
l’apertura di 7 nuove concessionarie. Dopo Mosca la prima fase prevede
infatti l’apertura di concessionarie a San Pietroburgo e a
Ekaterinenburg. Il volume di vendita atteso per il 2007 è pari a circa
2.000 vetture.

"Major Holding – commenta Antonio Baravalle – ha una vasta esperienza
nell’assistenza in fase di vendita e post-vendita per il segmento di
lusso e dispone di un’ampia rete di clienti fidelizzati. Ecco perchè
abbiamo scelto questa azienda come partner per presentare il marchio
Alfa Romeo in esclusiva su questo mercato".


Il design e l’arredamento degli interni del primo showroom Alfa Romeo
si ispirano a quelli di una "villa" secondo i canoni dell’architettura
razionalista italiana.

"Inoltre – precisa la Casa del Biscione – il rigore e l’essenzialità
del progetto tradotto nelle forme, nei colori e nei materiali
contribuisce a creare la cornice ideale per il car design sinuoso e
aggressivo delle auto rendendole protagoniste assolute: tutto è
dominato dal rosso e dal nero che da sempre esprimono la doppia anima
della Casa, connubio di passione e tecnologia. Inoltre, il centro di
assistenza effettua interventi di diagnosi e di riparazione su diversi
sistemi automobilistici, compresi i sistemi elettronici. E’ inoltre
dotato di una carrozzeria e di un’officina per la verniciatura. La
concessionaria ha un magazzino molto ben fornito di ricambi originali.
Ai clienti vengono offerti inoltre gli accessori Alfa Romeo ‘made in
Italy’".

 Fonte Repubblica

Commenti

commenti