Il CorSera svela i nuovi piani futuri Alfa Romeo: torna l’ammiraglia con trazione posteriore!

Apprendiamo dal Corriere della Sera – Motori che il brand Alfa Romeo sta cambiando i suoi piani produttivi futuri per aggredire il mercato; dovrebbe tornare finalmente l’ammiraglia con annessa trazione posteriore e l’erede della Spider. Confermati tutti gli altri modelli anche se ci saranno ritardi rispetto al Product Plan presentato nel 2010; con una gamma del genere alla fine del 2014 l’obiettivo di 500mila unità vendute in un anno potrà realmente essere realtà.

null

Il CorSera parla del ritorno di una berlina grande, che in casa Alfa manca dai tempi della 166, nella seconda metà del 2014. La nuova Giulia all’inizio del 2014. La sportiva 4C nel 2013: sarà la prima vettura del Biscione a riportare il marchio negli Usa. Per il Suv, invece, si parla dei primi mesi del 2013. Questi piani dell’Alfa presentati agli investitori in un incontro collaterale al salone di Francoforte. Secondo la nuova tabella di marcia, alcuni modelli subiscono ritardi rispetto a quanto annunciato nei mesi precedenti. La Giulia, che secondo i programmi quinquennali del 21 aprile 2010, doveva arrivare a metà del 2012, debutterà un anno e mezzo più tardi, mentre la variante station wagon sarà disponibile nella prima della metà del 2014.

null

Il ritorno di una berlina grande, che in casa Alfa manca dai tempi della 166, nella seconda metà del 2014. La nuova Giulia all’inizio del 2014. La sportiva 4C nel 2013: sarà la prima vettura del Biscione a riportare il marchio negli Usa. Per il Suv, invece, si parla dei primi mesi del 2013. Questi piani dell’Alfa presentati agli investitori in un incontro collaterale al salone di Francoforte. Secondo la nuova tabella di marcia, alcuni modelli subiscono ritardi rispetto a quanto annunciato nei mesi precedenti. La Giulia, che secondo i programmi quinquennali del 21 aprile 2010, doveva arrivare a metà del 2012, debutterà un anno e mezzo più tardi, mentre la variante station wagon sarà disponibile nella prima della metà del 2014.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *