RCA, quali garanzie si possono aggiungere alla propria polizza

Ogni auto deve essere assicurata per viaggiare, anzi, per legge, la nostra vettura, anche se è parcheggiata e non in movimento, deve essere coperta da assicurazione. Questo perché, accidentalmente, ad esempio, un altro veicolo potrebbe provocare un sinistro e, tra le auto interessante, potrebbe esserci la nostra; e se la macchina è assicurata, la compagnia ci coprirebbe i danni.

Una forma assicurativa obbligatoria per tutti quelli che posseggono un veicolo a motore è la polizza RCA ovvero Responsabilità civile autoveicoli. È estremamente importante perché serve a tutelare colui che è al volante, l’auto in questione ed eventuali passeggeri in caso di sinistro stradale.

Se abbiamo acquistato per la prima volta un’auto, è necessario sapere che, al giorno d’oggi, per stipulare una polizza ci si può recare fisicamente in una compagnia assicurativa oppure, comodamente da casa, possiamo optare per un’assicurazione online. Per entrambe, il costo della polizza varierà in base al modello, cilindrata, etc, della vettura in possesso, e non solo. Ad esempio, se dobbiamo confrontare le assicurazioni online per alfa stelvio, ci troveremo quasi sicuramente di fronte ad un prezzo maggiore rispetto ad un possessore della regina delle Alfa, ovvero la 8C 2900B Lungo Spider Touring del 1939.

Cosa c’è da sapere sull’RCA

Innanzitutto, questo tipo di contratto obbligatorio vincola 2 figure interessate: il contraente, quindi noi in prima persona che stipuliamo il contratto di assicurazione; e l’assicurato ovvero colui che gode della protezione della polizza. Inoltre, c’è anche un terzo protagonista: tutti coloro che vengono coinvolti nel sinistro che dovranno essere risarciti.

In che modo entra in gioco la compagnia assicurativa, che sia fisica o online? Quest’ultima coprirà i danni all’assicurato in caso in cui dovesse compiere un sinistro con colpa, quindi essere il responsabile dell’incidente, e si avrà il rimborso di eventuali danni a terzi.

Sottolineiamo che l’assicurato sarà esente da una determinata soglia di pagamento direttamente proporzionale alla quota pagata alla compagnia. Infatti, quando si stipula una polizza, si potranno aggiungere anche delle garanzie aggiuntive che faranno variare il prezzo.

Garanzie aggiuntive

L’RCA, ad esempio, non prevede tutte quelle garanzie non obbligatorie, definite aggiuntive. Infatti, non c’è tutela nel caso in cui, nel sinistro, anche il conducente riporti dei danni. Quindi, si può aggiungere la garanzia infortunio del conducente.

Tra quelle non obbligatorie che di solito vengono inserite all’interno del pacchetto della polizza, ci sono quella per furto, assistenza stradale, incendio, atti vandalici, cristalli. Queste sono solo alcune, ma potremmo aggiungerne anche altre.

Ricordiamo sempre che ogni polizza varia in base alla cilindrata, al modello, al motore, ai diversi accessori, etc. Per definire il prezzo aggiungendo questa garanzia aggiuntiva, sarà interessata anche la residenza del contraente perché ci sono zone ad alto rischio che faranno levitare il costo.

Per l’assistenza stradale, la compagnia coprirà i costi dell’invio del carro attrezzi qualora dovessimo averne bisogno in caso di guasto tecnico; per incendio intendiamo la copertura sia per quello doloso che colposo. Anche i danni dovuti ad atti vandalici come graffi sulle fiancate o danni di altro tipo, verranno coperti. Per la garanzia cristalli, parliamo ad esempio di un danno accidentale come una forte grandine che potrebbe distruggere o danneggiare i vetri della nostra auto.

Classe di merito

L’assicurato è tenuto a pagare un premio la cui quota dipende dalla classe di merito. Ed ogni anno la classe può variare, anche grazie ad un sistema di bonus-malus. Se l’anno precedente non abbiamo compiuto incidenti, verremo “premiati” perché prudenti e onesti.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *