La 500 è arrivata

L’ad della Fiat, Sergio Marchionne, considerato il vero
protagonista della clamorosa ripresa della casa torinese, fissa
obiettivi ambiziosi per la Fiat: innanzi tutto la 500, «non solo
un’auto, ma un manifesto viaggiante». L’ideale per un’azienda che vuole
scalare le classifiche dei costruttori europei e mondiali: «Vogliamo
guadagnare almeno due posizioni», dice l’amministratore delegato
davanti a oltre mille giornalisti di tutto il mondo, a Torino. Accanto
a Marchionne il numero uno dell’auto, Luca De Meo. In prima fila il
vicepresidente John Elkann e il presidente dell’Ifil, Gianluigi
Gabetti. La 500 «rappresenta la nuova Fiat, un’azienda solida,
proiettata verso il futuro e con valori forti che la guidano», ha
sottolineato Marchionne. E poi spazio ai numeri: «Tre anni di catarsi
per tornare a rivedere la luce. Drastica riduzione dell’indebitamento»,
abbattuto da circa 10 miliardi di euro a poco più di uno; 70 miliardi
di fatturato come obiettivo 2010, con un risultato della gestione
ordinaria di 5 miliardi («cento volte quello ottenuto nel 2004»); 22
accordi internazionali dopo lo scioglimento di quello con Gm. «La 500 –
ricorda Marchionne – sarà la prima vettura a soddisfare i requisiti
euro 5 che entreranno in vigore a settembre 2009». Ma non basta: «Il
gruppo si impegna a raggiungere entro il 2012 il più basso livello di
emissioni di CO2 rispetto ai concorrenti».

 

I NUMERI DELLA 500 – Trecento milioni di investimento,
produzione annua, prevista a Tikhy (Polonia), di 120 mila unità, con la
possibilità di salire a 150 mila vista la forte domanda (già oltre 30
mila gli ordini). Punto di pareggio a 65-70 mila unità. Sarà in
commercio in Italia a partire da venerdì. Lo stock di partenza nelle
concessionarie è di 5.000 unità (contro 30 mila ordini).

PREZZI – La nuova 500 parte da una base di 10.500
euro, versione senza condizionatore – che è optional – e con motore di
1200 cc. La versione più cara, 14.500 euro, è la Sport: motore 1400 cc
a benzina, 16 valvole e ben 100 cavalli. La vettura adotta tre motori,
abbinati a cambi meccanici a 5 o 6 marce. Due sono a benzina, il 1.2 da
69 CV e il 1.4 da 100 CV, appartenenti alla famiglia Fire. Il terzo è
il 1.3 16v Multijet da 75 CV, quanto di meglio possa offrire la
tecnologia per i turbodiesel.
AUTO SU MISURA – «Esistono – ha detto De Meo – ben
549.936 varianti se contiamo i quattro livelli di allestimento, le tre
motorizzazioni, i 12 colori, tra cui 6 vintage che ricordano gli anni
’50 e ’60 e il bianco tristrato, colore di lancio, i 15 tipi di interni
compresa la pelle Frau, i 9 tipi di cerchi, i 19 stickers e i 100
accessori». A metà luglio l’ esordio in Francia. Per ora non è prevista
la vendita in Brasile. È una «3 porte» dalle dimensioni contenute: è
lunga 355 centimetri, larga 163. Ha un cofano molto corto e il frontale
ricorda gli elementi distintivi della prima 500. Per esempio, i
proiettori superiori circolari insieme a quelli inferiori «abbaglianti»
e al gruppo «baffi e logo». Fiat 500 è la prima vettura del gruppo a
utilizzare il proprio nome come logo sui cerchi delle ruote.

SICUREZZA – È la prima volta che una vettura compatta
è stata costruita per raggiungere le 5 stelle nelle prove d’ urto
EuroNCAP, ed è pronta alla sfida delle 6 stelle quando il nuovo rating
dovesse divenire operativo. Soluzioni tecniche sofisticate: dall’ Abs
completo di sistema Ebd (Electronic Brake Distribution) al sofisticato
Esp (Electronic Stability Program), dal sistema antislittamento Asr
(Anti Slip Regulation) ai dispositivi Hill Holder, che assiste il
guidatore nelle partenze in salita, e Hba (Hydraulic Brake Assistance),
che aiuta nelle frenate di emergenza. Può inoltre adottare fino a 7
airbag di serie. Un altro primato per questa categoria di vetture.

CONSUMI – La nuova 500 ha consumi analoghi a quella
del 1957, pur avendo una potenza cinque volte maggiore dei 13 cavalli
della progenitrice. Il modello 1.200 da 69 cavalli beve 5,1 litri di
benzina ogni 100 chilometri, il diesel multijet 1.300 16 valvole da 75
cavalli consuma 4,2 litri ogni 100 chilometri nel ciclo misto. Infine,
il motore 16 valvole fire 1.400 cc da 100 cavalli – capace di
raggiungere ben 182 chilometri l’ora – nel ciclo combinato fa
registrare un consumo di 6,3 litri ogni 100 chilometri.

 

1.2 69 cv POP -10.500 €
1.2 69 cv SPORT – 12.500€
1.2 69 cv LOUNGE – 12.500 €
1.4 16v 100 cv POP – 12.500 €
1.4 16v 100 cv SPORT – 14.500 €
1.4 16v 100 cv LOUNGE – 14.500 €
1.3 multijet 75 cv POP – 12.500 €
1.3 multijet 75 cv SPORT – 14.500 €
1.3 multijet 75 cv LOUNGE – 14.500 €

Commenti

commenti