Maserati MC12, successo italiano

Guidata da Thomas Biagi, il bolide da 600.00
euro capace di superare i 330 km/h è la nuova icona del “Made in Italy”
su quattro ruote battendo Aston Martin, Corvette, Ferrari e Lamborghini 

Cuore, testa e muscoli rigorosamente targati “Made in Italy”. E’
proprio il caso di dirlo quando la competizione per l’eccellenza
nostrana si misura su pista e corre a 300 km/h. All’ultima prova
svoltasi a Zolder del campionato “Fia Gt”, il torneo internazionale
dove a sfidarsi sono le auto di serie più desiderate al mondo, a
vincere è stata la Maserati MC 12 guidata dal bolognese Thomas Biagi
che al termine della gara ha sottolineato “se penso all’adrenalina in
circolo è stata indubbiamente la gara più dura della mia vita, ma ne
valeva la pena”. Il bolide italiano ha battuto vetture da sogno come
Aston Martin, Corvette, Ferrari e Lamborghini capaci di superare i 270
km/h grazie alla spinta dei 650CV. Una gara impegnativa, il torneo “Fia
Gt”, che può durare dalle 2 alle 24 ore e nella quale due o tre piloti
in staffetta si danno il cambio al volante della stessa vettura.
Disegnata da Giorgetto Giugiaro per la Casa del Tridente, la Maserati
MC 12 è capace di capace di portare la vettura a 330 km/h passando da 0
a 100 km/h in soli 3,8 secondi. Il costo alla presentazione era di
600.00 euro. Con la sua coupé-spider a 2 posti con impostazione
sportiva e tettuccio asportabile, la Maserati ritorna alle competizione
ed è merito di questa macchina. Dopo 37 anni la Casa del Tridente
debutta nel campionato Fia Gt 2004 nella gara di Imola con una coppia
di MC12.

 

Un ottimo banco prova per l’annata successiva dove la Casa di
Modena si aggiudica un secondo e terzo posto. Dopo aver partecipato
anche alla restanti tre gare del campionato con ottimi risultati la
Maserati è pronta a fare sul serio. Nel 2005 la casa modenese si
presenta con una vettura omologata secondo gli standard Gt 1 e si
aggiudica cinque successi e venti podi su undici appuntamenti nonché la
vittoria finale sia nel campionato per marche che in quello per piloti.
Nel Campionato Fia Gt 2006 si ripete, conquistando 5 vittorie in 10
gare disputate. La stessa MC 12 al nuovo appuntamento del Fia Gt 2007
di Zolder vince con Thomas Biagi. Tutto italiano è il successo messo in
campo dalla storica casa automobilistica grazie alla sua MC 12 . Telaio
e scocca leggerissime, realizzate a mano dalla società abruzzese Atr,
la stessa che ha curato la realizzazione della Minardi di F1: telaio e
carrozzeria realizzati facendo aderire la fibra di carbonio a speciali
stampi che vengono poi saldati con il calore in autoclave. Motore e
cambio, elementi strategici nella componentistica di un auto da corsa,
sono firmati direttamente dalla Maserati.

Una coppia vincente quella costituita dal propulsore di 6000cc a 12
cilindri ed il cambio sequenziale meccanico a sei marce. Italiani anche
i freni della MC 12 realizzati dalla casa specialista Brembo; il
sedile, rigido e leggero, ottenuto in fibra di carbonio dalla Sparco di
Settimo Torinese che ne ha perfezionato l’ergonomia realizzando
imbottiture personalizzate per il profilo del singolo pilota che si
alterna al volante; gli scarichi, realizzati dalla Tubistyle in nichel
per resistere alle alte temperature; la centralina elettronica e
diversi chip, in grado di trasmettere ai box informazioni utili sul
comportamento su pista della vettura, sono della Magneti Marelli; le
ruote, infine, sono realizzate dalla azienda veneta OZ che può vantare
sistemi di collaudo estremamente avanzati. (IGN-Adnkronos – tutti i diritti riservati)

 

Commenti

commenti