Berlino sceglie Magna, Fiat tratta per Saab

Abbiamo sperato fin alla fine che Fiat potesse farcela, ma l’esecutivo tedesco ha preferito appoggiare il piano della Magna (fornitore di componentistica per auto autro-canadese) appoggiato dai russi della Gaz-Volga e dall’ex Cancelliere tedesco Gerard Schröder.
A questo punto Magna diventerà un gruppo da cinque milioni di vetture all’anno, con un forte orientamento sul mercati della Russia e dell’ex Unione sovietica, commenta Siegfried Wolf uno degli AD della Magna.
Al gruppo austro-canadese andrà il 20% della Opel, alla Sberbank il 35%, alla Gm rimarrà il 35%, mentre i dipendenti controlleranno il 10% mentre la General Motors si separerà dal colosso tedesco dopo 80 anni di matrimonio.

OPEL GM BERLINO

Che sia stato tutto pilotato?
Che la Fiat dopo questa acqusizione sarebbe diventata troppo grande e avrebbe dato fastidio a molti costruttori automobilistici?

La replica dell’ AD Marchionne alla vicenda: “La vita va avanti lo stesso” ….. e con gli occhi puntati al risanamento del Gruppo Chrysler e al consolidamento della Fiat guardiamo con ottimismo al futuro, ben consapevoli che la FIAT ha fatto tutto quello che poteva fare per creare un colosso dell’auto.

Grazie lo stesso SERGIO !!!!! Vai avanti con le tue strategie di rilancio

FIAT, SE NON AVREMO OPEL CONTINUEREMO A TRATTARE PER SAAB

SAAB CABRIO

Dal sito dell’ Agenzia Reuters ITALIA leggiamo che FIAT ora cercherà un accordo per rilevare la SAAB.

Commenti

commenti