Marchionne a MF:terreno fertile per la 500 negli USA

Sergio Marchionne puo’ cominciare a sorridere: le scelte d’acquisto degli automobilisti americani si stanno indirizzando sempre piu’ verso vetture medio-piccole, abbandonando la tradizionale predilezione per suv e pick-up.

FIAT 500 USA assembled Chrysler  in Mexico

In questo quadro, si legge in un articolo di Milano Finanza, la strategia di Marchionne di imporre vetture piu’ piccole per la nuova Chrysler e di tornare negli Usa con le vetture del gruppo Fiat sembra trovare un terreno che non e’ mai stato cosi’ fertile. I numeri dell’amministrazione statunitense, d’altronde, sono incontrovertibili. Nei primi sei mesi del 2007, cioe’ l’ultimo periodo di boom del mercato americano dell’auto prima della crisi, le immatricolazioni erano costituite per il 69% da auto tradizionali; mentre il 31% era formato da suv e pick-up, con un dato che appariva in netta crescita. Tre anni piu’ tardi la situazione si e’ capovolta. Grazie anche alla moral suasion sulla riduzione dei consumi portata avanti da presidente americano Barack Obama, nei primi sei mesi del 2010 la percentuale di vetture tradizionali e’ salita al 77%, mentre gli acquisti di suv e pick-up sono scesi al 22,8%, facendo segnare una caduta di circa il 9% in meno di tre anni.

new fiat 500 in usa new york

Commenti

commenti