Al Gran Premio di Formula 1 FIA dell’Austria 2020 del 5 luglio 2020, l’Alfa Romeo con Giovinazzi si classifica al nono posto e acquisisce due punti

Ci sono voluti sette mesi per tornare a correre, ma il dolce sapore dell’azione di Formula 1 è finalmente tornato. A più di sei mesi dall’ultima gara nelle luci abbaglianti di Abu Dhabi, ecco la familiare sensazione di trepidazione prima del momento di spegnimento, le farfalle nello stomaco durante un pit-stop e l’euforia mentre cade la bandiera a scacchi.        
 
Con il ritorno delle corse, l’attenzione si concentra sul risultato finale. Proprio come 12 mesi fa, l’Austria è stata lo sfondo di una grande prestazione di Antonio Giovinazzi: sul palco in cui ha segnato i suoi primi punti in Formula 1, l’italiano ha eseguito una gara senza macchia, superando gli ostacoli di diverse Safety Cars e facendo pagare due rivali per segnare due punti e aprire il conteggio della squadra in classifica Costruttori.  

          
 
Dall’altra parte del garage, non c’è stata fortuna per Kimi Räikkönen. Dopo essersi ritirato dalla sua posizione di partenza del 19 ° posto per sfidare i punti nelle fasi di apertura, è stato il principale perdente del primo periodo di Safety Car, la gara è stata neutralizzata immediatamente dopo la sua prima visita ai box, regalando ai suoi avversari una sosta libera. Dopo essersi ripreso da ragazzi bassi, è stato poi costretto al ritiro da un guasto tecnico che ha causato la perdita della ruota anteriore destra.             
 
Nonostante questa macchia sul quaderno della squadra, è stata una domenica positiva in cui la squadra ha mostrato una migliore svolta e la capacità di capitalizzare nelle occasioni che sarebbero emerse durante un weekend di forte attrito – un segno promettente in vista dello Steiermark Grand della prossima settimana Prix ​​nella stessa sede.

Frédéric Vasseur, Team Principal Alfa Romeo Racing ORLEN e CEO Sauber Motorsport AG:  “Guadagnare punti nella gara di apertura della stagione è sempre una buona cosa, ma ci sono più aspetti positivi oltre al risultato sulla bandiera a scacchi. Il nostro ritmo di gara è stato un netto passo avanti rispetto alle qualifiche di ieri e siamo stati in grado di estrarre più potenziale del C39. Come squadra abbiamo mantenuto la testa fresca durante le montagne russe di una gara e portare a casa punti è una buona ricompensa per tutto il lavoro davanti a questa gara. È stato un peccato perdere Kimi in questo modo, ma esamineremo il problema e ci assicureremo di poter lottare per un posto nella top 10 con due auto della prossima settimana. ”   

Kimi Räikkönen (numero auto 7):            
Alfa Romeo Racing ORLEN C39 (Chassis 02 / Ferrari)        
Risultato della gara: DNF            
Giro più veloce: 1: 09.031    
Pneumatici: New Medium (25 giri) – New Hard (27 giri) – New Soft (2 giri – DNF)             

“È un peccato terminare la gara in questo modo quando le cose stavano andando bene. Rispetto a ieri, abbiamo fatto un passo avanti e abbiamo avuto un ragionevole giro di velocità. I tempi della prima Safety Car ci sono costati dei posti, ma eravamo ancora in una buona posizione e con le nuove gomme avrei potuto lottare per alcuni punti. Purtroppo poi abbiamo dovuto ritirarci: il problema è stato una sorpresa, non avevo avvertito che sarebbe successo. Dovremo indagare su cosa è successo. Per ora, possiamo prendere alcuni aspetti positivi dal nostro ritmo in condizioni di gara e continuare a migliorare la macchina. ”            

Antonio Giovinazzi (numero auto 99):    
Alfa Romeo Racing ORLEN C39 (Chassis 04 / Ferrari)        
Risultato della gara: 9 °
giro più veloce: 1: 08.796    
Pneumatici: New Medium (26 giri) – New Hards (30 giri) – New Soft (1 giro ) – Usato Soft (14 giri)    

“Sono davvero contento del risultato di oggi. Dopo la difficile qualificazione di ieri, raggiungere i punti era il massimo che potevamo fare. La gara non è stata facile, abbiamo lottato un po ‘all’inizio ma siamo diventati più forti man mano che la gara è andata avanti. Certo, in una corsa così caotica hai bisogno di un po ‘di fortuna, ma eravamo pronti a cogliere qualsiasi possibilità con due mani quando sarebbe arrivato. Abbiamo combattuto molto per questo e alla fine P9 è un ottimo modo per iniziare la stagione. Sono davvero felice per i ragazzi e le ragazze in garage e di ritorno a casa. C’è ancora molto da migliorare, ma è solo la prima gara della stagione: c’è un sacco di tempo e non vedo l’ora di tornare in macchina la prossima settimana. ”

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *