Le strategie per il futuro Maserati

"I primi due mesi di Maserati sono rassicuranti, in linea con gli
obiettivi che ci eravamo prefissati. Puntiamo nel 2007 a superare le
7.000 unità vendute e ad ottenere il pareggio".


Lo ha detto oggi a Ginevra Roberto Ronchi, amministratore delegato
della Casa del Tridente, in occasione della prima giornata stampa del
salone dell’ automobile. Vicino a lui c’erano anche il presidente della
Fiat, Luca Cordero di Montezemolo, e l’amministratore delegato, Sergio
Marchionne.

Nel 2006 Maserati ha realizzato ricavi per 519 milioni di euro con
5.734 unità consegnate. Rispetto all’anno precedente ha registrato un
incremento del 3% in termini di volumi di vendita mentre il fatturato è
sceso del 2,6% avendo beneficiato nel 2005 del successo della serie
speciale MC12 stradale. Il risultato della gestione ordinaria di
Maserati è stato negativo per 33 milioni di euro con un netto
miglioramento (+52 milioni di euro) rispetto al risultato del 2005,
negativo per 85 milioni di euro.

"L’allineamento dei risultati commerciali degli ultimi due anni – ha
aggiunto Ronchi – ha rappresentato la fase di crescita e consolidamento
in vista del vivace momento di sviluppo che vedrà Maserati
protagonista, a partire da quest’anno, con una gamma prodotto
completamente rinnovata".


Dopo l’MC12 presentata allo scorso motorshow di Bologna e la
Quattroporte automatica proposta in anteprima mondiale a Detroit (gli
ordini raccolti sono già oltre 600), a Ginevra la casa del Tridente
lancia la sfida alla concorrenza con la GranTurismo, il cui stile è
stato curato da Pininfarina. La vettura è una sportiva di alte
prestazioni, con motore V8 4.2 da 405 CV e una ripartizione dei pesi
del 49% sull’anteriore e 51% sul posteriore. Il cambio è automatico e
dotato di controllo auto-adattivo che adegua il tipo di cambiata allo
stile di guida e alle condizioni di marcia.

La nuova vettura, che avrà un "corridoio" di prezzo tra i 110 e i 115
mila euro, arriverà nell’ultimo quadrimestre del 2007 e l’obiettivo è
di vendere circa 1.200-1.500 unità (nell’intero 2008 l’obiettivo è
3.500 unità). "La tradizione Maserati con il concetto di GranTurismo
inizia nel 1947 – ha raccontato Ronchi – e proprio in occasione del
salone dell’auto di Ginevra dove, su richiesta di alcuni clienti, la
Casa del Tridente presentò la sua prima Gran Turismo, già allora
carrozzata da Pininfarina, partendo dal telaio da competizione dell’A6
1500 cc. Si trattò della prima Maserati stradale e venne prodotta in 58
esemplari".


Ronchi ha infine ricordato che "gli Stati Uniti rimangono il mercato
leader per Maserati, con circa il 44% del fatturato, compreso il
Canada". "L’ Italia – ha precisato – mantiene la seconda posizione,
confermandosi leader europeo davanti al Regno Unito, Germania,
Giappone, Svizzera e Francia. Maserati è oggi presente in 58 paesi e
cinque continenti, con una rete totale di oltre 253 concessionarie.
L’ultimo mercato aperto in ordine di tempo è quello della Bulgaria,
mentre l’India rappresenta certamente uno scenario potenzialmente
interessante per noi".

Fonte: Repubblica Motori  

Commenti

commenti