Ufficiale: il nuovo Duetto arriverà nel 2015 e sarà realizzato insieme alla Mazda

A seguito dell’annuncio congiunto del 23 maggio 2012, Mazda Motor Corporation (Mazda) e Fiat Group Automobiles S.p.A. (Fiat) hanno annunciato oggi 18 gennaio 2013 la firma dell’Accordo Definitivo in base al quale Mazda produrrà una spider a due posti per Alfa Romeo. L’auto verrà prodotta nello stabilimento Mazda di Hiroshima in Giappone a partire dal 2015. Il nuovo spider Alfa Romeo sarà sviluppato per il mercato globale sulla base dell’architettura dell’MX-5 di prossima generazione. In base all’accordo, Mazda e Fiat svilupperanno due vetture a trazione posteriore e distinte nel design, quali icone chiaramente riconoscibili del proprio marchio. Ognuna delle due varianti Mazda e Alfa Romeo verrà equipaggiata con motorizzazioni specifiche per il marchio. Per Mazda, l’accordo rappresenta un’opportunità di migliorare l’efficienza delle proprie attività di sviluppo e produzione e ridare slancio al segmento delle spider a livello globale. A Fiat, consentirà di offrire un’interpretazione moderna e tecnologicamente avanzata del classico spider Alfa Romeo in grado di contribuire al raggiungimento degli obiettivi del marchio entro il 2016. ( Comunicato Stampa Ufficiale FIAT S.P.A. ) Gli Alfisti ringraziano !!!!!!!

Commenti

commenti

Un pensiero riguardo “Ufficiale: il nuovo Duetto arriverà nel 2015 e sarà realizzato insieme alla Mazda

  • 26 Gennaio 2013 in 09:56
    Permalink

    a 18 anni guidavo l’alfasud di mio padre , a 21 ho comperato una 33 Q.oro, poi di seguito alfa75 twin spark , 156 selespeed e ora 159 sportwagon intramezzate da BMW coupe e un fuoristrada . tutto questo tempo sperando di vedere un’alfa romeo uscire dalla crisi di modelli che da decenni la attanaglia e da dirigenti che non capiscono e non investono in questo marchio dal grandissimo potenziale. dopo 30 anni spero ancora , anzi se fosse vero il programma di marchionne ,forse è la volta buona . ma di quest’uomo non mi fido e se non rispetterà i programmi , allora è meglio vendere ai tedeschi.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *